Chi siamo

La storia è ora in divenire in Bielorussia, un Paese di 9,4 milioni di abitanti situato nel centro dell’Europa. «Voice of Belarus», un sito web gestito da volontari, traduce, crea e distribuisce gli ultimi rapporti stampa, analisi e notizie sulla situazione in via di sviluppo.

Source: Radio Svaboda

Quando il popolo si è alzato per difendere il proprio voto in un’elezione presidenziale palesemente truccata, il 9 agosto 2020, le autorità hanno risposto con un’ondata di violenza senza precedenti, lasciando dietro di sé almeno dieci morti, centinaia di feriti e più di 30.000 detenuti – è probabile che tutte queste cifre siano sottostimate, poiché il governo terrorizza i cittadini e nasconde a vera entità della repressione.

Questa brutale risposta alle proteste pacifiche, insieme al rifiuto dello stato di indagare sui crimini della polizia e sulle frodi elettorali, ha portato in piazza centinaia di migliaia di bielorussi rispettosi della legge, nel tentativo di spodestare «l’ultimo dittatore europeo» e ottenere giustizia per la nazione.

Questo progetto, gestito da volontari, documenta cosa sta succedendo nel Paese, tramite bollettini giornalieri e la traduzione delle notizie dei media bielorussi in diverse lingue. In questi tempi decisivi, la nostra nazione desidera ardentemente la solidarietà globale, per sostenere i bielorussi nella nostra lotta per la libertà. Continua a leggere, spargi la voce e rimani con noi.

Il tuo supporto è inestimabile e te ne siamo grati.
Grazie!

Seguici qui: YouTube, Telegram, Instagram. Vai alle nostre pagine partner su Facebook, Twitter, Telegram e questo gruppo Facebook per notizie e aggiornamenti.
Contattaci: tutte le richieste, richieste dei media.

In questa pagina:

Un manifestante ferito in attesa di un’ambulanza.
Source: Uladz Hrydzin, Radio Svaboda

Cosa dovresti sapere

Aleksandr Lukashenko ha governato la Bielorussia con mezzi discutibili per 26 anni, da quando è diventato presidente nel 1994, prendendo il potere subito dopo che l’ex Repubblica Sovietica ottenne l’indipendenza nel 1991. Sebbene molte elezioni precedenti siano state probabilmente truccate, quest’anno Lukashenko ha superato la linea rossa, secondo molti bielorussi. Speravano di cacciare finalmente il cosiddetto presidente nelle elezioni di agosto. Invece ha «vinto» con l’80% dei voti. Il governo ha chiaramente falsificato i risultati secondo numerosi resoconti: anche i dati elettorali incompleti raccolti in modo indipendente mostrano chiare falsificazioni a ogni terzo seggio elettorale

La campagna elettorale di quest’anno è sembrata una tipica campagna elettorale della Bielorussia, poiché le autorità hanno costretto alcuni potenziali candidati a lasciare il paese e imprigionato altri due candidati popolari. È stata Svetlana Tikhanovskaya, la moglie di uno degli incarcerati, a battere Lukashenko nelle elezioni di quest’anno, almeno secondo resoconti indipendenti.

Svetlana Tikhanovskaya (al centro) con le suoe alleate, Maria Kolesnikova (a sinistra, arrestata) e Veronica Tsepkalo (a destra, ha dovuto lasciare il Paese).
Source: facebook.com/viktar.babaryka

Il conteggio ufficiale di Svetlana Tikhanovskaya è un magro 10,1% rispetto all’80,1% di Lukashenko, ma queste cifre sono state molto probabilmente costruite dall’alleata di Lukashenko, Lidziya Yarmoshyna, che ha diretto la Commissione elettorale centrale per 24 anni. Anche con elezioni notoriamente opache, le manipolazioni di quest’anno sono state facili da notare. Non c’è più modo di stabilire il risultato reale, poiché le autorità hanno distrutto le schede elettorali e la relativa documentazione a livello distrettuale.

Schede bruciate trovate dai dipendenti di una centrale termica a Brest, Bielorussia.
Source: t.me/belamova

Nonostante il divieto di exit-poll non governativi, l’assenza di osservatori internazionali e il quasi divieto di osservatori locali indipendenti (alcuni sono stati arrestati), il numero di prove ha continuato a crescere. Le prove andavano da quelle dirette, come le registrazioni audio e le testimonianze dei cittadini, a quelle indirette, attraverso l’analisi dei risultati a livello dei seggi elettorali e le fotografie delle schede elettorali. Quest’ultimo è stato raccolto attraverso un complesso progetto di analisi che ha messo a confronto i dati ufficiali dei seggi elettorali selezionati con i risultati effettivi delle votazioni: i cittadini hanno scattato foto delle schede compilate e hanno inviato le immagini al progetto. 

Il rapporto sui risultati delle elezioni dalla piattaforma online «Voice», basato su oltre 500.000 schede elettorali e foto dei protocolli di voto

Il sito web della piattaforma «Voice»: una mappa da scoprire

I sondaggi della Bielorussia descrivono la frode nelle elezioni del 9 agosto

I membri della commissione elettorale di Minsk spiegano gli imbrogli e le intimidazioni usate per inscenare la «vittoria schiacciante» di Aleksandr Lukashenko

La squadra di Tikhanovskaya ha presentato un ricorso costituito da 25 cartelle di prove che descrivono in dettaglio le violazioni della legge durante il periodo della campagna elettorale, solo che la Corte Suprema l’ha ignorato. Il presidente in carica Lukashenko ha detto che non ci saranno nuove elezioni «finché non mi ucciderete»

La squadra di Svetlana Tikhanovskaya.
Source: TUT.BY

In risposta alle falsificazioni, i bielorussi sono scesi in piazza per protestare. Le loro proteste vengono chiamate «le più pacifiche del mondo». In effetti, la maggior parte dei danni alle infrastrutture finora non è stata inflitta dai manifestanti, ma dalla polizia. I manifestanti hanno letteralmente raccolto la spazzatura dietro di sé e si sono tolti le scarpe per salire in piedi sulle panchine, il che contrasta nettamente con i livelli estremi della brutalità della polizia: violenti pestaggi, uso di proiettili di gomma, granate stordenti e cannoni ad acqua.

Finora sono state documentate solo alcune uccisioni per mano delle autorità, mentre centinaia di migliaia di manifestanti sono scesi in piazza. Almeno quattro persone sono state ufficialmente riconosciute come decedute dopo essere state colpite o arrestate dalla polizia e due uomini che si presume si siano «suicidati» in circostanze sospette.

Raman Bandarenka.
Source: vk.com/bondarenko_roman_av

Uno degli esempi più eclatanti, Raman Bandarenka, 31 anni, è stato ucciso dalla polizia in borghese o da teppisti affiliati alla polizia. La notte dell’11 novembre è uscito per chiedere perché persone sconosciute stessero tagliando nastri di colore della bandiera dell’opposizione vicino al proprio condominio. Raman è stato aggredito da teppisti in nero, che lo hanno picchiato e portato in una stazione di polizia. Da lì, è stato portato al pronto soccorso con un grave trauma cranico. I medici non sono riusciti a salvargli la vita.

Dopo la morte di Raman Bandarenka, una giornalista e un medico sono stati arrestati con accuse penali, ma non perché avevano qualcosa a che fare con l’omicidio. Sono stati arrestati per aver confermato e rivelato che Raman non aveva alcol nel sangue la notte della sua morte, contrariamente a quanto dichiarato da Lukashenko, che accusa Raman di intossicazione nel probabile tentativo di screditarlo. Finora nessun procedimento penale è stato avviato per l’omicidio di Raman.

Senza alcuna inchiesta ufficiale sull’omicidio, vari media hanno riferito che raid in borghese, come quello in cui è stato ucciso Raman, erano stati guidati dai collaboratori più stretti di Lukashenko. Tra loro c’erano la sua addetta stampa, Natallia Eismant, e l’allenatore della sua squadra di hockey, Dzmitry Baskau. Baskau è stato presumibilmente identificato da un filmato della scena del crimine l’11 novembre.

Un manifestante ferito. Minsk, Bielorussia 9 agosto 2020.
Source: Aliaksandr Vasiukovich, vot-tak.tv / belsat.eu

Di oltre 30.000 detenuti dal 9 agosto, almeno 1.406 sono stati feriti dalla polizia, comprese vittime documentate di tentativi di stupro. Gente in attesa fuori dalle carceri ha riferito e registrato le urla inumane dei detenuti. I medici che hanno curato le vittime hanno affermato di essere rimasti scioccati dalla brutalità. Alcuni medici si sono poi uniti alle proteste e sono stati anche arrestati e feriti; molti sono stati licenziati o sono stati costretti a lasciare il Paese.

Gli esperti dei diritti umani delle Nazioni Unite hanno riferito di circa 450 casi documentati di tortura. Più di 1.000 denunce sono state presentate alle autorità bielorusse, ma nessuna indagine penale è stata avviata. Allo stesso tempo, la polizia ha aperto più di 900 procedimenti penali contro i bielorussi che hanno partecipato alle proteste. Il Centro per i Diritti Umani Viasna considera 167 detenuti come prigionieri politici.

Un giovane vittima delle violenze della polizia in ospedale. Minsk, agosto 2020.
Source: TUT.BY

Uno dei tanti casi orribili di brutalità della polizia coinvolge un minore di 16 anni, Timur, che avrebbe attaccato un’auto della polizia. Dopo essere stato torturato mentre era detenuto dalla polizia, è stato ricoverato in ospedale e messo in coma farmacologico. Si è ripreso, ma è stato poi imprigionato, interrogato di nuovo e quindi ricoverato in ospedale. Timur ha detto che i poliziotti gli hanno conficcato un bastone in profondità nella gola e lo hanno preso a calci, gli hanno infilato il bastone negli occhi e hanno minacciato di accecarlo e hanno ripetutamente usato il bastone per colpirgli i talloni. I medici hanno registrato una frattura della mascella superiore, diagnosticato un trauma craniocerebrale chiuso, un palato lacerato con un bastone e numerosi lividi sul corpo.

La Bielorussia sta reprimendo duramente le proteste post-elettorali.
Source: VICE News

Mentre la violenza aperta si è placata e le autorità sono scese a patti con le centinaia di migliaia di manifestanti pacifici che scendono in piazza ogni settimana, si sono intensificate l’oppressione e la repressione segreta. Le autorità hanno arrestato diversi leader di proteste e scioperi in tutto il Paese, ne hanno intimiditi altri e ne hanno cacciati alcuni dalla Bielorussia. Svetlana Tikhanovskaya – la probabile vera vincitrice delle elezioni – è stata letteralmente portata al confine bielorusso-lituano dal KGB bielorusso e costretta a lasciare il Paese. Non ha voluto commentare i dettagli, anche se molti collegano il suo silenzio alle minacce contro i suoi figli e suo marito, che è ancora tenuto in ostaggio dalle autorità con quelle che molti credono siano accuse inventate.

Svetlana Tikhanovskaya racconta la sua improbabile ascesa da mamma casalinga a icona rivoluzionaria.
Source: The New York Times

La leader dell’opposizione Maria Kalesnikava è stata «rapita per strada» nel centro di Minsk da persone sconosciute in pieno giorno. Queste si sono poi rivelate essere agenti del KGB, la polizia segreta della Bielorussia. Dopo un tentativo fallito di «espellerla» con la forza in Ucraina, durante il quale ha strappato il passaporto ed è saltata fuori dall’auto per rimanere in Bielorussia, Kalesnikava è stata arrestata con l’accusa di «appelli pubblici contro l’autorità o a rovesciare violentemente l’ordine costituzionale».

La maggior parte degli alleati di Tikhanovskaya sono stati costretti a lasciare il Paese, soprattutto da quando Lukashenko ha avviato diversi procedimenti penali contro di loro. Con una mossa senza precedenti, la Bielorussia ha vietato a un proprio cittadino, l’arcivescovo Tadevush Kandrusievich, leader della Chiesa cattolica che ha espresso sostegno alle proteste, di entrare nel Paese (è stato riammesso solo il 24 dicembre, dopo l’intervento del Papa).

Source: NN.BY

Anche lasciare il Paese è diventato un problema: dal 21 dicembre ai bielorussi è stato impedito di lasciare il Paese via terra, al fine di frenare la diffusione del COVID-19, secondo le autorità statali.

I manager della società IT statunitense Pandadoc sono stati arrestati con accuse apparentemente inventate dopo che il CEO dell’azienda aveva offerto supporto agli agenti delle forze dell’ordine che si sono dimessi. Molte altre aziende sono state duramente punite per la disobbedienza e sono state costrette a chiudere.

Non solo i leader dell’opposizione ma anche i passanti sono terrorizzati dalla polizia. Non sorprende in questi giorni in Bielorussia vedere gruppi di persone mascherate di nero, senza segni identificativi, che rapiscono le persone per le strade e intimidiscono i testimoni, o addirittura rompono le vetrine con i manganelli.

Da novembre, la polizia ha anche devastato i quartieri residenziali nei fine settimana, dato che le marce di protesta si sono spostate lì dai centri delle città. In un caso bizzarro, la polizia è andata porta a porta, bloccando un condominio, per arrestare coloro che avevano reso omaggio al defunto Raman Bandarenka in un memoriale improvvisato vicino al suo palazzo.

Source: Darya Burakina, twitter.com/tutby

«A volte non c’è tempo per la legge» ha detto Lukashenko a settembre, quando presentava un nuovo procuratore generale nel suo ufficio. «Stai con me e salva il Paese».

La Russia, la Cina e diverse ex repubbliche dell’Unione Sovietica hanno riconosciuto le elezioni del 2020 in Bielorussia. Gli Stati Uniti, il Regno Unito, l’Unione Europea e molti altri Paesi non hanno riconosciuto le elezioni. Hanno condannato la violenza e chiesto il dialogo. Gli Stati Uniti, l’Unione Europea e altri Paesi occidentali hanno imposto sanzioni per repressione e frode elettorale in Bielorussia. Lukashenko ha accusato l’Occidente di organizzare le proteste e ha rifiutato continuamente le richieste di dialogo con l’opposizione.

This image has an empty alt attribute; its file name is UtWWsgqg8mhzCO7htFfl7N5PXmqObnDbgTXVGsJx-E8oJztrHXJQFeZc2wGruImEpgBi3cqo_Z3pdvxhgMFdr0XtgcWIYJ5xF8kPnjrsTY-gzxcRYgk7nRJtQT401UzrmoVw4IN4
Source: Yauhen Yerchak, EPA / Scanpix / LETA

Nonostante le crescenti pressioni esterne e interne, Lukashenko riesce ancora a mantenere la sua posizione, principalmente a causa della lealtà e della brutalità del suo apparato di sicurezza, in mezzo al disordine nazionale. Con il sostegno dichiarato della Russia, il suo più stretto alleato economico e politico, molti in Bielorussia ora temono che Lukashenko possa rinunciare all’indipendenza del Paese per formare un’unione più stretta con la Russia per avere la possibilità di mantenere la propria posizione.

Cronologia delle proteste in Bielorussia, visualizza>>

La situazione è complessa e non c’è una soluzione semplice all’orizzonte. Lukashenko vuole rimanere al potere, mentre il popolo bielorusso vuole sfidare lo status quo. Mentre la situazione continua a evolvere, continueremo ad aggiornarvi su ciò che sta succedendo, sulla base dei più completi e vari reportage sul campo. Questi vi daranno una prospettiva molto migliore rispetto ai reportage dei media stranieri, che spesso mancano di dettagli e background importanti.

* Ultimo aggiornamento: 22 dicembre 2020.

Ragazze di fronte alla polizia antisommossa, durante una manifestazione di protesta.
Source: facebook.com/iryna.arakhouskaya

Perché dovrebbe interessarti

– È una tragedia violenta che si sta svolgendo in Europa

Se pensi che le persone non dovrebbero essere uccise, torturate o mutilate per aver espresso la propria opinione e mostrato pacificamente dissenso, dovrebbe interessarti. 

– Riguarda la democrazia e la dignità umana fondamentale

Se sostieni il diritto di una nazione di cambiare un leader pacificamente e democraticamente, attraverso elezioni aperte ed eque, dovrebbe interessarti.

Source: TUT.BY

– Si tratta anche di geopolitica: Russia vs Occidente

Se pensi che le nazioni dovrebbero decidere da sole il proprio percorso senza interventi esterni, dovrebbe interessarti.

Sebbene le proteste in Bielorussia non siano filo-russe o filo-occidentali, la Russia sostiene apertamente Lukashenko: il Cremlino ha recentemente approvato prestiti per 1,5 miliardi di dollari e si è persino offerto di inviare le sue truppe oltre confine «per ripristinare la stabilità». Allo stesso tempo, sia Mosca che Lukashenko accusano l’Occidente di alimentare le proteste e di interferire negli affari interni bielorussi.

Cosa puoi fare

Per aiutare la Bielorussia e i bielorussi, spargi la voce sulla situazione e sul nostro progetto: condividi le nostre traduzioni e altri rapporti dalla Bielorussia, visita il nostro sito web e seguici sui social media (YouTube, Instagram, Telegram; e anche Twitter, Facebook, Telegram e il gruppo Facebook).

Parlane con i tuoi amici e colleghi e, se puoi, con i media, i blogger e i funzionari eletti. Puoi anche fare donazioni ai fondi a sostegno della Bielorussia. La più grande iniziativa di questo tipo è la campagna civica #BY_help.

Contattaci tramite e-mail o sui social media se hai in mente iniziative specifiche o desideri partecipare in qualsiasi altro modo.

Source: TUT.BY

Belarus: cos’è e dove si trova?

La Bielorussia è un bellissimo Paese senza sbocco sul mare di 9,4 milioni di abitanti, situato geograficamente al centro dell’Europa. La sua capitale, Minsk, è classificata come la decima città più grande d’Europa per popolazione.

Source: youtube.com/Yuri Velitchenko

Il Paese è leggermente più piccolo del Regno Unito per area e ha all’incirca le dimensioni dello Stato americano del Minnesota. La Bielorussia confina con tre Paesi dell’Unione Europea (la Polonia, la Lituania e la Lettonia) a ovest-nordovest, con la Russia a nord-est e con l’Ucraina a sud.

Source: youtube.com/22zweizwei

I bielorussi (83,7%) costituiscono il più grande gruppo etnico nazionale in Bielorussia, seguiti da russi (8,3%), polacchi (3,1%) e ucraini (1,7%). Il Paese ha due lingue di Stato: russo e bielorusso. Non ci sono conflitti etnici o religiosi violenti in Bielorussia da più di un secolo.

Una nazione pacifica, la Bielorussia ha perso circa un terzo della sua popolazione durante la seconda guerra mondiale.

Invece della bandiera ufficiale rosso-verde, i bielorussi anti-Lukashenko usano la bandiera bianco-rosso-bianca.
Source: NN.BY

Il PIL bielorusso (nominale) è stato stimato a 63,6 miliardi di dollari per il 2020, 75° nel mondo. La Bielorussia è un membro della Comunità Economica Eurasiatica, un blocco commerciale regionale guidato dalla Russia, ed si trova in una posizione unica per fungere da hub di transito per merci, petrolio e gas che si spostano tra l’UE e la Russia. L’economia bielorussa fa molto affidamento sulle imprese statali, principalmente nel settore energetico (esportazione di prodotti petroliferi raffinati), nonché sull’agricoltura, fertilizzanti di potassio e macchinari pesanti.

Source: Voice of Belarus

La Bielorussia, nota in passato per i macchinari di retaggio sovietico, è diventata un hub hi-tech regionale, un luogo di nascita di molti prodotti tecnologici complessi. Diversi prodotti digitali di fama mondiale sono stati costruiti o co-costruiti in Bielorussia, come l’app Viber (con più di un miliardo di utenti in tutto il mondo), il gioco World of Tanks (con oltre 160 milioni di giocatori in tutto il mondo) e l’app MSQRD, che è stata acquistata da Facebook per introdurre i filtri per i volti dei video AR su Facebook Messenger e Instagram. 

Per sapere di più sulla Bielorussia:

Source: TUT.BY

Il progetto, la squadra

Il progetto «Voice of Belarus» è nato dall’iniziativa di centinaia di bielorussi da tutto il mondo che si sono uniti per formare il BYHelp-Mediagroup. Il suo obiettivo è creare, tradurre e distribuire gli ultimi rapporti stampa, analisi e notizie dalla Bielorussia. Stiamo costruendo un archivio multilingue di testi e video. Ogni contenuto viene selezionato da giornalisti esperti e attivisti del nostro team per essere tradotto e pubblicato.

Abbiamo creato il sito VoiceOfBelarus.com e il canale YouTube Voice of Belarus, così come il canale Telegram Voice of Belarus in inglese e l’account Instagram Voice of Belarus.

Collaboriamo con il progetto in lingua inglese Pray For Belarus, che pubblica feed in tempo reale sugli eventi in Bielorussia su Facebook, Telegram e Twitter, oltre ad altre iniziatve.

Organizziamo eventi, raduni e manifestazioni a sostegno della Bielorussia in molti Paesi del mondo.

Contattaci se desideri aderire.
Si prega di utilizzare questo indirizzo email per richieste di media/stampa.

Vorremmo ringraziare tutti i nostri traduttori e editori, inclusi:

A. Vaher – DE
Aleksander Navicki – PL
Aleksandr & Nataly Barbantsov/a – ES
Aleksandra Reczuch – PL
Alena Shastakova – ES
Alesya Tatamues – ES
Amanda Tan – EN
Anastasiia Manokhina – EN
Andre Lyonnais – FR
Andrej Shadura – EN
Angela Espinosa Ruiz – ES
Anna Klassnaya – IT
Anne Délizée – FR
Anton Paulovich – PL
Artiom Balenok – EN
Danièle S. – FR
Diana Yermakova – FR
Elena Harleman – FR
Elena L Leo – EN
Elena S. – ES
Elizaveta Belous – FR
Hanna Barysevich – PL
Halina Menthe – FR
Hanna P. – DE
Hanna Shpuntova – ES
Hanna Sliashynskaya – ES
Héléna Ariès – FR
Jakob Wunderwald – DE
Juliette Prakapovich – FR
Karalina Saŭka – PL
Kateřina Martinková – CS
Katherine M. – EN
Katie Koche – EN
Lena Borries – DE
Lidia Federica Mazzitelli – IT
Mara Volskaja – IT
Marcin Bartyzel – PL
Marharyta Taraikevich – FR
Maria Maier-Koshel – DE, FR
Martina Pospíšilová – EN
Maryia Chashei – EN
Maryna Belavusava – FR
Mikhail Kavalevich – EN
Mila Iwanowa – DE
Milana Nauen – DE
Oksana O’Neill – EN
Olga Dokukova – ES
Paulina Ibek. – PL
Polina Polovnikova – DE
Svetlana Kulbakova – ES
Svetlana Piskun Radosław Rusak – PL
Tania Medvedeva – EN
Tatiana S. – DE
Tatsiana Lazouskaya – FR
Vadym Dupanov – CS
Valeryia Sauchanka – FR
Volha Tsimoshyk – IT
Yuliya Schmidt – DE
Yury Kartynnik – EN

La nostra Informativa sulla privacy